Campania profondo nero

31 08 2009
Autore:
schultz
Link autore:

Campania profondo nero
di Claudio Pappaianni
Idrocarburi, metalli pesanti. Rifiuti tossici. Uno studio denuncia l’inquinamento record. Accanto ai campi di allenamento del Napoli

Walter Ganapini
assessore all’Ambiente della Campania È tornata la spiaggia, recita uno striscione sospeso tra due alberi nella pineta che si affaccia sull’arenile di Baia Domizia. È rimasto lì da quando, la scorsa settimana, la Regione Campania ha organizzato un ‘Beach party’ per salutare la pulizia di parte del litorale casertano. “Avvertivo il dovere di dare avvio a un percorso di recupero di un grande patrimonio”, ha dichiarato soddisfatto l’assessore all’Ambiente Walter Ganapini, dopo l’happening di musica, balli, cabaret e giochi a premi. In realtà, c’era assai poco da festeggiare. La stagione balneare è stata nefasta, segnata da depuratori mal funzionanti e bloccati per giorni dalla protesta dei lavoratori, una crisi che di fatto ha colorato di marrone il mare e l’estate dei napoletani. Qualche volta le correnti hanno spinto i liquami fino a Capri e Ischia, dove ci si sono messi anche black-out elettrici a dare il colpo di grazia all’immagine turistica del Golfo. La notizia dello sversamento di acque nere nella Grotta azzurra, con la chiusura alle visite, è diventato uno scandalo rimbalzato sui giornali di mezzo mondo.

Il caso più inquietante, però, viene ancora oggi tenuto chiuso in un cassetto. Sono i risultati finali di un’indagine realizzata dal Commissariato di governo per le bonifiche su un vasto territorio di 22 chilometri quadrati, che rientra nel sito di interesse nazionale della costa flegrea e agro-aversana. Uno studio – che ‘L’espresso’ ha potuto visionare in esclusiva – inviato prima dell’inizio dell’estate dalla struttura guidata dal professor Massimo Menegozzo alla presidenza del Consiglio, al ministero dell’Ambiente, al governatore Bassolino, a prefetti, sindaci, assessori e ai responsabili delle Asl. Nelle pagine non si fanno giri di parole, e le frasi disegnano l’ennesimo scempio ambientale del territorio. “Va segnalato complessivamente un rilevante e diffuso inquinamento in tutte le matrici esaminate con alcuni ‘hot spot’ particolarmente preoccupanti per entità dei fenomeni”. La situazione appare in tutta la sua drammaticità “sia per le aree agricole, che per quelle interrate e per la falda”. E se l’acqua che esce dai rubinetti è buona, a meno che non ci si allacci ai pozzi abusivi, quella che disseta le bufale di decine di allevamenti e irriga i terreni coltivati a pomodori e ortaggi è pesantemente compromessa.

Per tutti i locali l’area interessata dal report è chiamata ‘i laghetti di Castelvolturno’. Si tratta di una cinquantina di specchi d’acqua affiorati dentro alcune cave abusive aperte negli anni ’70 e ’80, quando nella zona si scavava per estrarre la sabbia usata per la cementificazione della costa che va dal Lago Patria fino a Mondragone. Un tratto che, in pratica, arriva dalla periferia nord di Napoli fino al confine laziale. Trattori e ruspe, di aziende spesso legate al clan dei Casalesi, si fermavano solo quando dai buchi affiorava l’acqua delle falde. A quel punto si spostavano di qualche metro e ricominciavano i lavori. Le cavità sono poi state usate come discariche di auto vecchie, copertoni, scarti di edilizia e rifiuti speciali nocivi.

“A settembre renderemo pubblici i dati sulla contaminazione dei corsi d’acqua interni all’area domizia”, aveva detto Ganapini mentre infuriava la polemica sul mare inquinato della Campania. L’area esaminata, con circa 2000 prelievi tra campioni di acqua e terreno, dista in alcuni punti meno di 500 metri dal mare e, in molti casi, accanto a laghetti e campi agricoli contaminati, sorgono decine di abitazioni. Come a Cava Baiano, un laghetto non molto distante dall’Holiday Inn Resort, meta preferita dagli appassionati di golf e sede del ritiro del Napoli Calcio. Già: anche Lavezzi e compagni sgambettano ogni giorno a poca distanza da un lago dove sono stati riscontrati livelli di idrocarburi superiori anche 300 volte il limite consentito dalla legge. Il presidente Aurelio De Laurentiis si è innamorato di questa zona, tanto che un anno fa era stato dato per imminente il trasferimento della società azzurra, con la realizzazione di una cittadella nuova di zecca. Da costruire vicino i laghi inquinati e l’Hyppo Campos Resort, una struttura rinomata dove i soci si tengono in forma con footing e corse in mountan bike e i partecipanti del Water Raid Adventure si sfidano in gozzo a remi, a nuoto, al kayak, all’apnea, fino alla corsa sulla spiaggia al cadmio. L’idea, per ora rimasta sulla carta, era di creare qui una vera e propria Trigoria in salsa campana, sfruttando in parte le strutture già esistenti nel centro: campi di calcetto, basket, piscine. A completare il tutto due grandi specchi d’acqua attrezzati per lo sci nautico. Gli stessi per i quali le analisi hanno riscontrato livelli di idrocarburi, cromo e piombo rispettivamente 40, 13 e 45 volte superiori alla norma.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: