I segreti di Dick Cheney

1 09 2009

Negli Stati Uniti continua a tenere banco il caso Cheney, accusato dalle rivelazioni di alcune fonti anonime interne alla Cia di avere nascosto al congresso un piano riguardo alcune delicate attività di intelligence. Il New York Times fa un chiaro e preciso riassunto di quanto accaduto finora, spiegando che il programma riservato, che prevedeva omicidi mirati ai danni di leader di Al Qaeda, in realtà non fu mai reso operativo.

“Il programma fu progettato nelle frenetiche settimane che seguirono gli attentati dell’11 settembre, quando il presidente George W. Bush firmò un ordine segreto che autorizzava la Cia a catturare o uccidere esponenti di Al Qaeda in giro per il mondo. Secondo alcune fonti interne alla Cia, l’obiettivo del piano era utilizzare una soluzione ‘chirurgica’ per eliminare i terroristi, piuttosto che utilizzare i bombardamenti mirati, che non possono essere fatti nelle città e che mettono a rischio la vita dei civili”. Niente di sorprendente, insomma, dato che “in termini legali, non c’è differenza tra uccidere un terrorista con un missile e ucciderlo con una pistola”. Non è stato questo, però, a stupire l’opinione pubblica statunitense e scatenare l’ira del congresso.

Le polemiche scaturiscono dal fatto che i leader del congresso non furono mai stati informati dell’esistenza del piano e lo stesso direttore della Cia, Leon Panetta, non venne informato tempestivamente dell’esistenza del programma segreto. “Apparentemente”, racconta Time, “Panetta è stato informato dell’esistenza del programma solo il 23 giugno, quattro mesi dopo il suo insediamento da direttore dell’agenzia. Nel giro di 24 ore, Panetta avrebbe cancellato il programma e informato della sua esistenza le commissioni di supervisione del congresso”.

Perché tanta riservatezza, nei confronti del congresso e addirittura dello stesso direttore della Cia? L’ordine arrivava direttamente dalla Casa Bianca, nella persona dell’allora vicepresidente Dick Cheney. Panetta sarebbe stato tenuto all’oscuro del programma a causa della sua scarsa esperienza: “C’era la preoccupazione che potesse essere l’anello debole dentro l’agenzia”. Un comportamento quantomeno poco ortodosso che ha fatto infuriare i democratici del congresso e pone una seria ombra sulle politiche di intelligence messe in piedi dall’amministrazione Bush. Time si chiede: “Cos’altro succede nel braccio esecutivo della Cia, che il direttore Panetta non sa?”.

fonte: http://www.internazionale.it

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: