La destra all’assedio finale del fortino rosso di Raitre

11 09 2009

ROMA – Un editto soft, una goccia cinese che scava la roccia fino all’obiettivo finale: addomesticare la Gabanelli, Fazio, la Littizzetto, Bertolino, “Parla con me”, ridimensionare, cancellare forse. Silvio Berlusconi l’ha anche detto: quei programmi di Raitre non mi piacciono.
Senza i toni concitati di Sofia, ma l’ha detto. E da tempo il direttore generale Mauro Masi lavora per trovare un sostituto di chi Raitre la dirige con quei volti, con quegli artisti. Gioca di sponda, propone nomi su nomi, cerca professionisti dal curriculum impeccabile. Non spiega esattamente per quale motivo, ma va sostituito Paolo Ruffini, che gestisce la baracca da sette anni.


Il resto, la normalizzazione dei programmi sgraditi, verrà da sé. “Dove lo vede Silvio tutto questo comunismo a Raitre, cosa c’è di anormale? Se il problema è che Fazio è un uomo e io una donna, ci operiamo. Così rientriamo nei loro canoni di normalità”, scherza Luciana Littizzetto, appuntamento fisso del week-end di Che tempo che fa, pubblico trasversale, risate a sinistra e a destra. Magari questo dà fastidio.

La Rai della nuova era Berlusconi non vuole mandare nessuno a Casablanca, ma qualcuno a casa sì. Il pressing sul Partito democratico per avvicendare i vertici di Tg3 e Raitre e incrinare un’identità non è solo un’indiscrezione. Comunque ci sono anche gli indizi, i dati di fatto: l’intenzione resa esplicita da Masi di togliere la tutela legale a un programma di inchiesta che giocoforza si porta dietro grane su grane come “Report”. E un giallo finora rimasto sottotraccia su “Che tempo che fa”. Il contratto tra Rai e Endemol, la produzione del programma, non è ancora stato firmato. Un ritardo che appare poco tecnico e molto politico a sole tre settimane dalla messa in onda (3 ottobre).

Il senso di Raitre secondo Fazio è “mettere in luce la vera funzione del servizio pubblico: che è somma di voci, non sottrazione. È scambio di idee, pluralità, polifonia in una grande azienda culturale”. L’idea di chiudere qualche bocca (e qualche programma) “mi sembra ancora prima che sbagliata anti-moderna. La televisione di tutti deve far parlare tutti anziché limitarsi a non dire niente”.

Semmai la critica rivolta a Fazio è quella di essere troppo moderato, poco cattivo, accomodante. “Ma capisco l’imbarazzo di alcuni. Da noi si respira un’aria di libertà, per altri invece è scontato che i programmi si costruiscano sentendo le segreterie dei partiti”.

Il paradosso dello scontro campale giocato sulla pelle di Raitre è che tutti i programmi sono ormai in rampa di lancio. “Parla con me” scatta il 29 settembre, “Report” cascasse il mondo, anche senza copertura legale, l’11 ottobre, Fazio la settimana prima. Ruffini gira come una trottola per le conferenze stampa della nuova stagione. Poi torna in trincea, nell’ufficio al primo piano di Viale Mazzini. Non pronuncia mai la parola censura, ma difende il carattere della rete che fu del maestro Guglielmi, il suo essere portabandiera del servizio pubblico. “Un’offerta multipla arricchisce la Rai, non la penalizza.

Il pluralismo è patrimonio collettivo”, dice Ruffini. E se la direzione generale la pensa diversamente, commette un errore. “Perché fare delle tre reti un indistinto omogeneizzato? Avremmo l’effetto McDonald, che ha gli stessi panini in tutte le parti del mondo”.

Dicono le malelingue che un ottimo uomo Rai come Giovanni Minoli sarebbe disposto a ridimensionare i volti noti e di successo della rete, sbarcando al posto di Ruffini. Dicono che non si preoccupi dell’opposizione dei consiglieri del Pd, pronto a incassare soltanto i voti della maggioranza. Ma dagli artisti, ai dirigenti e ai 100 lavoratori della terza rete, Ruffini continua a ottenere in queste ore sostegno e riconoscimenti che superano persino la prova del settimo anno di vita in comune.

Il direttore di Raitre sarà in piazza il 19 per la libertà di stampa. Anche Milena Gabanelli parteciperà. Con l’occhio sempre attento allo sviluppo della trattativa con la Rai per la tutela legale. “Report” punta allo scudo di Viale Mazzini perché se si crede in un prodotto lo si difende, altrimenti lo si cancella. E la filosofia della stakanovista Gabanelli è che delle due l’una: o si lavora pancia a terra a caccia di scoop o si perde la giornata a parlare con gli avvocati. “Ruffini – racconta Fazio – ha sempre garantito a me e alla mia squadra condivisione del progetto e assoluta autonomia. Sono elementi essenziali di qualsiasi lavoro, compreso il nostro”.

Eppoi gli ascolti di Raitre vanno bene, dunque la “prima domanda non è chi al posto di chi, ma perché. Perché bisogna cambiare?”. Per creare un coro monocorde al servizio del pensiero unico berlusconiano? “Nel servizio pubblico devono esserci tante verità – dice Ruffini – . Questa è la sua missione, nel rispetto degli spettatori, dell’editore, delle persone. Si vuole invece una verità di Stato? Allora siamo in Unione sovietica”.

La Littizzetto, con la sua leggerezza, spiega bene cosa non va nell’assedio al fortino di Raitre. Per la comica c’entra la politica sì, ma anche “una grande confusione del Paese in cui nessuno si fida di nessuno e proliferano i più realisti del re”. Gli ospiti di “Che tempo che fa” davvero importanti, davvero graditi dal pubblico non sono i Prodi, i Veltroni, gli esponenti della sinistra che secondo i falchi del Pdl occupano le poltrona bianca di fronte a Fazio senza contraddittorio e senza un bilanciamento di ospiti a destra. “Il nostro merito è di mettere in onda volti nuovi, assolutamente spiazzanti. Ceronetti non ha niente di televisivo, è un personaggio inconsueto, fuori dal coro e dal circuito. Eppure la sua presenza dà i brividi”. L'”alto” dello scrittore torinese, il “basso” delle battute fulminanti della Littizzetto pochi minuti dopo. Anche questa è Raitre. “A Ruffini darei il Telegatto”, esclama Luciana. Ma i vertici della Rai appoggeranno la candidatura?

fonte repubblica.it

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: