Mediterraneo caldissimo Peggio degli Oceani

22 09 2009

ROMA – Il Mediterraneo si riscalda più degli oceani. Pochi giorni fa il Noaa (National Oceanic and Atmospheric Administration) aveva misurato l’aumento della temperatura della superficie degli oceani nel periodo giugno – agosto: 0,6 gradi sopra la media del secolo. Oggi, dalla Settimana della scienza organizzata dall’Associazione Frascati Scienza, è arrivata la valutazione dell’aumento del Mediterraneo: 1 grado rispetto alla media degli ultimi 30 anni. I dati Enea – Cnr, sempre relativi al periodo giugno-agosto, sottolineano l’accelerazione del riscaldamento delle acque superficiali.


Per il Tirreno poi è stata un’estate di record: più 2 gradi rispetto alla media degli ultimi 30 anni. Un mutamento che non si misura più solo confrontandolo con il lungo periodo (la serie storica degli ultimi 150 anni, quelli in cui sono stati raccolti i dati), ma anche rispetto all’immediato, agli ultimi decenni. E ormai non si scalda più solo il velo delle acque superficiali: il cambiamento riguarda gli strati più profondi del mare, quelli che regolano i meccanismi di base.

“Il riscaldamento delle acque di fondo, quelle sotto i mille metri, dove risiede la memoria degli eventi climatici del passato, caratterizza soprattutto la parte occidentale del bacino mediterraneo”, precisa Vincenzo Artale coordinatore della ricerca. “Per quanto riguarda il futuro dell’area mediterranea si prevede per i prossimi decenni un’intensificazione del riscaldamento e un aumento delle piogge molto intense durante l’inverno”.


La crescita della temperatura è un segnale di destabilizzazione. Un’altra conseguenza dell’aumento della concentrazione di anidride carbonica è l’acidificazione delle acque. Il pH degli oceani si è abbassato di 0,1 unità, con la possibilità che scenda di ancora 0,5 unità a fine secolo se non si riducono le emissioni di gas serra. Molti organismi che si costruiscono uno scheletro calcareo – coralli, molluschi, crostacei e molti organismi planctonici – potrebbero avere problemi di stabilità perché il calcare si scioglie nell’acqua acida. Dunque la capacità degli oceani di catturare carbonio formando la vita potrebbe indebolirsi ancora di più accelerando ulteriormente la crescita dell’effetto serra. E’ un altro messaggio per il vertice delle Nazioni Unite sul clima che si apre oggi a New York: al vertice di Copenaghen mancano meno di tre mesi.

fonte repubblica.it

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: