Italia agli strozzini

11 10 2009

E’ allarme usura in tutta Italia. “Nel 2009 si sta diffondendo a macchia d’olio l’usura in Italia a seguito della grave situazione di difficoltà economica in cui versano le famiglie e delle piccole imprese, alla impossibilità di accesso al credito bancario ed al proliferarsi delle scommesse sportive. Il sovra indebitamento delle famiglie, nei primi 8 mesi del 2009, è cresciuto del 89,3%, rispetto al 2008 e l’usura è aumentata del 71,6%”.

 

Lo rilevano i dati resi noti  da Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani che con Lo Sportello Antiusura monitora costantemente il fenomeno del sovra indebitamento delle famiglie e delle piccole imprese in Italia. In Italia sono a rischio 1.693.000 famiglie e 1.254.000 piccole imprese – afferma Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani – Nei 8 mesi del 2009, il debito medio delle famiglie ha raggiunto la cifra di 28.600 euro, mentre quello dei piccoli imprenditori ha raggiunto il tetto dei 48.200 euro”. Nel 2009 al primo posto tra regioni maggiormente esposte al rischio usura troviamo il Piemonte, seguito dalla Campania, Valle d’Aosta, Sicilia, Emilia Romagna, Lombardia, Toscana, Veneto, Lazio, Puglia, Calabria, Liguria, Friuli V-Giulia, Umbria, Abruzzo, Trentino-A.Adige, Sardegna, Basilicata, Marche e Molise. ”La crescita delle scommesse sportive, la impossibilità di accesso al credito bancario, il boom delle carte di credito revolving, e della rateizzazione fiscale – continua Carlomagno – stanno trascinando migliaia di famiglie e piccole imprese nelle mani agli usurai.” ”Purtroppo – prosegue Carlomagno – dati confermano che il fenomeno sta aumentando e che ancora non si è raggiunta la punta dell’iceberg. In passato, ogni qual volta l’economia ha segnato brusche frenate, l’usura ha subito delle forti crescite. Ora c’e’ un ulteriore problema. Ovvero, oltre la poca propensione alla elargizione del credito associata a commissioni insopportabili applicate dalle banche, si sta registrando una aggressione al patrimonio familiare da parte del fisco, sia direttamente mediante la riscossione coattiva, che indirettamente attraverso l’uso spregiudicato delle scommesse sportive, costringendo numerose famiglie monoreddito a richiedere prestiti. Tra queste, diverse sono quelle che si sono rivolte alle fondazioni antiusura”. Contribuenti.it chiede al governo uno stanziamento straordinario di un miliardo di euro a favore del microcredito sociale, di far partire quanto prima la Banca del Mezzogiorno e, soprattutto, di bloccare l’accanimento verso il gioco di azzardo che sta diventando “l’altra faccia di un’Italia sempre più povera”.
L’Ufficio Stampa
FONTE: Contribuenti.it

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: