Via Corelli – La sentenza

14 10 2009

Diario
Il primo grado del processo contro i rivoltosi di Corelli si è chiuso. C’è stata una sola assoluzione, ma le condanne sono state di molto inferiori alle richieste dell’accusa: dai 6 ai 9 mesi, contro i due anni abbondanti che pretendeva il Pm durante la sua requisitoria. Rimane tutta aperta la questione di Joy, che sarà processata per calunnia per aver raccontato in aula ciò che nessuno ha avuto il coraggio di affermare fino ad ora a voce alta: e cioè che oltre ad essere luoghi di reclusione e teatro di pestaggi, ricatti e umiliazioni, i Centri spesso nascondono storie tremende di molestie e violenze sessuali. Spogliati di tutto, nuda vita, i prigionieri sono corpi reclusi dei quali i guardiani ritengono sia naturale servirsi a proprio piacimento.

Fuori dall’aula un presidio abbastanza folto ha reso visibile in strada come i 14 processati non siano affatto soli. Ma c’è stato di più. Sempre a Milano, nei giorni precedenti, gruppetti di antirazzisti sono andati a dire la propria di fronte ad una sede della Croce Rossa e in una mensa gestita dalla Sodexo, ricordando la complicità di queste aziende con i Centri e le vicende del processo; a Bologna alcune compagne hanno fatto un presidio itinerante sull’autobus 14/a – quello che porta in via Mattei – che è terminato proprio con striscioni e fuochi d’artificio di fronte al Centro, focalizzando l’attenzione sulla storia di Joy;  a Rivoli, vicino a Torino, proprio mentre ancora l’udienza milanese era ancora in corso, un gruppo di compagni ha fatto irruzione nella sede della Sodexo. E soprattutto fittissimi sono stati i contatti con gli altri Centri, in particolar modo con i reclusi di via Corelli – che hanno fatto una diretta con il presidio – e con quelli di Gradisca, che lunedì hanno fatto un giorno intero di sciopero della fame in solidarietà con i processati.

Leggi i resoconti dei volantinaggi alla Croce Rossa e alla Sodexo di Milano.

Volantinaggio di “dissuasione” alla Croce Rossa

Lunedì 5 ottobre 2009 verso le 21 oltre una decina di antirazziste-i si sono dati appuntamento per un’iniziativa davanti alla sede della Croce rossa di Cormano (Milano), dove era in programma l’iscrizione a questa organizzazione e ai suoi corsi di addestramento. Lo scopo dell’iniziativaera di informare, con un volantino e con la voce, chi si recava alla serata, sul vero volto della CRI. Far loro capire che stavano per aderire ad un’organizzazione la quale, mentre opera nel pronto soccorso civile, è anche attivamente presente nelle guerre di rapina come nella gestione
dei CIE, cioè nella repressione delle persone immigrate. Per riuscire a comunicare direttamente si è scelto sul momento di non esporre lo striscione e di non far uso del megafono. Si è così accesa la discussione tra chi entrava, una quindicina di persone fra donne e uomini, pochi i giovani, e compagne-i. Il capo-responsabile locale della Croce Rossa, per tutto il tempo che siamo rimasti davanti ai cancelli, circa 1 ora, oltre ad aver chiamato vigili e carabinieri, ha cercato senza successo la provocazione. Le altre persone ci hanno invece ascoltato con interesse, hanno voluto conoscere quanto accade nei CIE, in particolare in quello di via Corelli. Hanno voluto sapere della recente rivolta, dell’aperta collaborazione dei crocerossini là dentro con polizia e carabinieri nei pestaggi, della distribuzione dei sedativi fino alla copertura (contro un tentativo di violenza sessuale nei confronti di una prigioniera) fornita dal capo locale della CRI a Vittorio Addesso, massimo responsabile a Corelli, nel processo in corso a Milano sulla recente rivolta.
L’incredulità generale di fronte a questi diversi volti della CRI è sembrata sincera, tanto da rendere credibile, tramite varie forme di iniziative comunicative, prese di posizione all’interno della CRI contrarie alla sua collaborazione-identificazione con gli organi violenti dello Stato.

Incursione alla mensa gestita dalla Sodexo

Lunedì 12 ottobre 2009. Un pugno di antirazzisti-e attorno alle 12,30 è entrato in una mensa di Milano (situata su viale Stelvio, incrocio con v. Bernina) gestita da Sodexo, la multinazionale che fornisce il cibo ad alcuni CIE, fra i quali quello di via Corelli. Lo scopo dell’iniziativa, come avvenuto in altre città, era di chiamare lavoratrici e lavoratori che si recano a centinaia in quella mensa, a boicottare Sodexo quale parte interessata al funzionamento dei CIE.
Si è entrati nella sala mensa dove si è volantinato alle persone presenti, comprese le cucine, mentre si mostrava uno striscione con la scritta “Sodexo fa i soldi sui prigionieri nel lager di via Corelli”. Ci si è fermati sull’uscita dove a voce alta è stato letto un pezzo del volantino e spiegato in breve il significato dell’iniziativa. Al direttore, solo lui, che, mentre ci spingeva fuori, ci invitava a rivolgere le nostre accuse alla Croce rossa, si è detto che lo avevamo già fatto, di stare calmo anche se la verità fa male e di lasciarci fare. La gente, numerosa, già seduta ai tavoli e in entrata, ha accolto con sorpresa e anche qui con incredulità quanto ascoltava e leggeva.
Alleghiamo il testo del volantino che abbiamo distribuito all’interno della mensa gestita dalla Sodexo:

La Sodexo ingrassa sui prigionieri di via Corelli!
La mensa in cui state mangiando è gestita da una multinazionale francese di nome Sodexo. Come molte delle multinazionali più note, Sodexo cerca di coprire le nefandezze che porta avanti nel nome del profitto con dichiarazioni vuote e ipocrite sui propri presunti principi etici e sul proprio impegno sociale.
Così come McDonald’s sostiene fantomatiche Fondazioni per i Bambini mentre nello stesso tempo distrugge il pianeta e la salute di quegli stessi bambini; così come Benetton porta avanti progetti di sostegno all’Africa, campagne antirazziste e per la pace mentre nello stesso tempo è tra le prime responsabili dell’esproprio dei terreni dei popoli nativi della Patagonia e dell’Argentina e della distruzione del loro habitat; così la Sodexo dice di sostenere programmi contro la fame nel mondo e allo stesso tempo vende il suo cibo scadente all’interno dei CIE, sostenendo di fatto le carceri in cui vengono rinchiusi i migranti arrivati in Italia proprio per scappare dalla fame e dalla guerra dei loro paesi d’origine.
Sodexo nella scelta dei propri clienti non si è mai fatta scrupoli etici, tutto è lecito se porta a un arricchimento economico: così oltre a fornire il cibo a scuole, ospedali, cliniche, aziende, Sodexo in tutto il mondo è il principale fornitore di cibo in carceri, agenzie governative, basi militari. Non è la prima volta che le nefandezze della Sodexo vengono a galla: nel mondo infatti ci sono già stati diversi boicottaggi nei confronti di questa multinazionale, legati alla sua collaborazione con l’esercito americano, ai suoi affari all’interno delle carceri e dei centri di detenzione per immigrati, alla violazione costante dei diritti dei suoi stessi lavoratori.
Nei CIE non c’è solo cibo scadente o avariato, carenza di acqua, pessime condizioni igieniche, assenza di cure mediche. I migranti sono continuamente umiliati e pestati dalla polizia: sono tantissimi ormai i casi di autolesionismo, tentativi di suicidio, rivolte ed evasioni. Minacce e torture sono compiute anche dal personale degli enti gestori, quali la Croce Rossa, con la complicità o la copertura della polizia. Si tratta in ogni caso di una vera prigionia forzata, che può durare mesi, nei confronti di persone che hanno l’unica colpa di essere prive di un pezzo di carta… ma sappiamo benissimo che la reclusione degli immigrati senza permesso di soggiorno è un’abile mossa di propaganda del governo, che ha basato tutta la sua campagna sui temi della sicurezza e della criminalizzazione del diverso.
Aziende come Sodexo sono uno degli ingranaggi fondamentali che portano i CIE a funzionare, senza la complicità dei fornitori i centri di detenzione
che noi preferiamo chiamare lager non potrebbero restare in piedi.

Riserviamo solo disprezzo e disgusto verso questi sfruttatori… boicottiamo le loro mense e protestiamo per la loro complicità all’interno
dei CIE!

Ecco i contatti a cui indirizzare la nostra rabbia con telefonate, fax, lettere ed e-mail di protesta:
Sodexo Italia Spa – Ristorazione e Integrated facilities management
Tel.: 02 69 68 4.1, Fax: 02 69 68 43 72
Via Fratelli Gracchi 36, 20092 Cinisello Balsamo (MI)
sede@sodexho-it.com

Sodexho Pass Srl – The motivation company
Sede di Milano: Tel. 02 38 05 71
Servizio Clienti: Tel. 02 38 05 75 80 – customer@sodexhopass.it
Sede legale: Via Gallarate 200 – 20151 – Milano

In Italia in particolare è Sodexo ad avere l’appalto per fornire il cibo ai CIE di Milano in via Corelli e al CIE di Ponte Galeria (Roma), dove i migranti detenuti denunciano di ricevere cibo scaduto, andato a male, contenente addirittura vermi e scarafaggi… un modo proficuo di svendere anche quello che finisce nella spazzatura dopo che i bravi lavoratori sono tornati nelle fabbriche e negli uffici. L’ennesima dimostrazione che per i dirigenti della Sodexo i migranti rinchiusi sono solo numeri, scarti di esseri umani, e che essere complici delle carceri e dei lager è perfettamente accettabile se può
servire ad ingrassare i loro già straripanti portafogli., autodefinitasi “leader mondiale nel settore della Ristorazione collettiva e del Facilities
management”. Sodexo è un’azienda molto potente, presente in 80 paesi del mondo e con un giro d’affari di 13,6 miliardi di euro annui.

fonte autistici.org

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: