Venezuela: censurato cartoon antiproibizionista

30 09 2009

Il Governo di Hugo Chavez ha deciso di bandire da tutte le tv l’emissione della popolare serie statunitense Family Guy (padre di famiglia). Secondo il ministero della Giustizia, che l’anno scorso aveva già proibito i Simpson, questa serie istiga al consumo di marjiuana. Il ministro Tareck El Aissami si è riferito alla puntata trasmessa da poco in Venezuela, in cui Brian, il cane di famiglia, fa una campagna per legalizzare la sostanza.
Il divieto comporta una multa o “atti di riparazione”, le stesse sanzioni adottate per i Simpson.

fonte toscana.indymedia.org

Annunci




Messico: I narcos hanno vinto

23 09 2009

La guerra scatenata dal governo Calderon contro i narcos ha prodotto un effetto paradossale: ha aumentato l’instabilita’ del paese rendendolo ancora piu’ insicuro. Sembra , infatti, che durante i primi 3 mesi di presidenza Calderon,nel 2006,  gli omicidi erano circa 10mila in tutto il Messico.

Leggi il seguito di questo post »





10 anni di Chavez

16 09 2009

Anno 2009 e sono dieci. Gli anni di Chavez alla guida del Venezuela. Tutto ha inizio con la marcia trionfale a ritmo di Llego el comandante y mando a parar (dedicata a Fidel Castro) e con l’approvazione della nuova costituzione nel 1999. Un passo importante, voluto fortemente dal leader, che ha notevolmente ampliato la tutela dei diritti umani, ignorati da decenni.

Leggi il seguito di questo post »





Venezuela, Chavez compra armamenti grazie a prestito Mosca

14 09 2009

Roma, 14 set. (Apcom) – La Russia ha accordato al Venezuela un prestito da oltre 2 miliardi di dollari per acquistare quasi un centinaio di carri armati e missili avanzati da usare come sistema anti-aereo. Si tratta di un accordo, scrive The New York Times, che dimostra la volontà di Mosca di sostenere il presidente anti-americano Hugo Chavez. Nel suo messaggio settimanale alla tv, ieri sera, il leader venezuelano ha detto di aver ottenuto il prestito durante il viaggio in Russia due settimane fa.

Leggi il seguito di questo post »





Honduras: e' crisi

1 09 2009

In seguito al colpo di stato che ha portato l’insediamento del governo di Roberto Micheletti, ai danni dell’ormai deposto Zelaya (deportato in Costa Rica) , si sta verificando una profonda crisi economica e dell’informazione.

Secondo il quotidiano il Tiempo, sono all’ordine del giorno abusi e violazioni dei mezzi di comunicazione. omettono dichiarazioni inernazionali contro il governo attuale e pubblicano false notizie sugli oppositori.

Il golpe e’ stato appoggiato dall’imprenditoria Honduregna che controlla la maggior parte dei mezzi di comunicazione, che ,ormai, sono diventati strumenti di propaganda.

Nel frattempo continuano le proteste dei sostenitori di Zelaya.

Ricordo che il colpo di stato e’ avvenuto il 28 giugno di quest’anno. Secondo l’opinione di molti esperti Zelaya e’ stato rimosso in seguito a diversi errori commessi, tra i quali il tentativo di modificare la Carta fondamentale, aver rafforzato i rapporti con l’elite economica e politica del paese, aver aumentato il salario minimo del 60% ed essersi unito all’alleanza boliviana per le americhe che comprende Bolivia, Ecuador, Venezuela, Cuba (paesi che aspirano ad una rottura con il neo-liberismo).

Ora si attendono notizie da Washington …





Washington in Colombia

1 09 2009

Le truppe di Washington sbarcano in Colombia!  Il governo del paese sudamericano ha raggiunto un accordo per la concessione di 7 basi militari all’esercito stelle e strisce. La motivazione e’ la lotta al narcotraffico e al terrorismo sul suolo colombiano. I vari leader latinoamericani hanno espresso la loro preoccupazione per gli equilibri del continente. Soprattutto il premier venezuelano Hugo Chavez.

Antonio Caballero, editorialista di Semana dice in merito: “entrambi i paesi non sono interessati alla lotta al narcotraffico e alla guerriglia, difatti, la circolazione di sostanze stupefacenti aumenta dove arrivano le truppe americane, come in Afghanistan e Vietnam”.

Sempre Caballero aggiunge che  “l’uso delle basi serve a contrastare l’avanzata della sinistra nella regione”.