ITALIA – Immigrazione. Italia razzista e xenofoba per Human Right Watch

23 12 2009

Un clima generale di razzismo e xenofobia, inasprito dalle politiche legislative e di governo: il 2009, per gli immigrati in Italia, e’ stato un pessimo anno.
A sostenerlo e’ Human Right Watch, Ong internazionale che si occupa della difesa dei diritti umani. E che, in un rapporto intitolato ‘Slow Movement: Protection of Migrants Rights in 2009’, fa un resoconto sulle violazioni dei diritti dei migranti in numerosi Paesi del mondo.
Il rapporto punta il dito soprattutto contro i respingimenti ‘operati dall’Italia, a partire dallo scorso maggio, contro barche di migranti provenienti dalla Libia’. In una di queste azioni di ‘repressione’, il primo luglio 2009, la Ong riferisce che ‘funzionari italiani hanno usato bacchette che provocano scosse elettriche e manganelli’ contro i ‘boat-people’ e che alcuni persone a bordo dei barconi hanno riportato ‘lacerazioni alla testa, medicate prima che lasciassero le navi di soccorso italiane’.
Radiografando la situazione dell’immigrazione in Italia, Human Right Watch sottolinea che ‘le politiche di governo e la legislazione hanno inasprito un generale clima di razzismo e xenofobia’. E a finire nel mirino e’ la legge 94 del 15 luglio, secondo cui ‘gli immigrati privi di documenti sono punibili con una multa superiore ai 10 mila euro’. Non solo, con il cosiddetto ‘pacchetto sicurezza’ ‘il premier Silvio Berlusconi, invece di scoraggiare le azioni dei vigilantes, ha autorizzato gruppi di vigilanza, con il rischio di creare una violenza tollerata dallo Stato contro rom e migranti’, riferisce il rapporto

fonte italy.indymedia.org





Il salvataggio in mare non è reato

13 11 2009

Martedì 17 novembre il Tribunale penale di Agrigento pronuncerà la sentenza di primo grado nei confronti di sette pescatori tunisini accusati del reato di agevolazione dell’ingresso di clandestini per avere condotto a Lampedusa 44 migranti salvati nelle acque del Canale di Sicilia mentre erano in procinto di annegare.
Dopo l’arrivo a Lampedusa i pescatori tunisini venivano rinchiusi nel carcere di Agrigento per settimane. Venivano inoltre, sequestrati i pescherecci Mohammed El Hedi e Mortadha, “perché utili all’accertamento dei fatti e pertinenti al reato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina per cui si procede”.
Leggi il seguito di questo post »





Da Ponte Galeria

10 11 2009

Da Ponte Galeria Non fa mica tanto caldo, a Roma, in questi giorni. Eppure dentro a sette delle baracche del Cie di Ponte Galeria è una settimana che sono accesi i condizionatori d’aria. E sparano aria fredda, come avrebbero dovuto fare questa estate. «Non li possiamo spegnere, non dipende da noi», hanno risposto pazientemente crocerossini e poliziotti alle rimostranze dei reclusi. Dipende dai tecnici della ditta che li ha istallati, ma la direzione del Cie non ce li ha mica i soldi per pagarli.
Leggi il seguito di questo post »





Ascanio Celestini

3 11 2009




Il criminale perfetto

30 10 2009

Nella cronaca nera quali sono gli elementi del delitto perfetto? i tanti cadaveri? i tempi che passano tra un delitto all’altro? le stranezze sulla vittima o sull’arma del delitto? diciamo che c’e’ un po di tutto.
Ma cosa colpisce di piu’ il lettore della cronaca nera? Secondo alcuni sondaggi sembrerebbe che sia la bellezza della vittima a far breccia piu’ di ogni altro elemento. Piu’ e’ giovane e bella e piu’ e’ a “rischio” di essere vittima.
Assodato quale sia la vittima perfetta, quale potra’ essere l’identikit del colpevole perfetto? Stando ad agatha christie non c’e’ assassino piu’ affascinante del piccolo borghese invidioso e libidinoso. I soldi e la ricchezza aggiungono pepe alla vicenda. Ma piu’ di tutti e’ il mistero legato all’identita’ del criminale ad affascinare.

Leggi il seguito di questo post »





Medici per i Diritti Umani avvia un presidio sanitario in sostegno dei rifugiati afgani

29 10 2009

Roma, 28 ottobre 2009

Facendo seguito alla lettera aperta al Sindaco Alemanno e all’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Roma inviata in data 23 ottobre in occasione della minaccia di sgombero presso l’insediamento di rifugiati afgani alla stazione Ostiense, Medici per i Diritti Umani (MEDU) rende noto che a partire da martedì 27 ottobre ha attivato nella medesima area un presidio sanitario dotato di un’unità mobile (camper-ambulatorio). In seguito all’intervento di MEDU e dopo una lunga contrattazione la proprietà e le forze di pubblica sicurezza avevano accettato di procrastinare lo sgombero di 10 giorni.

Leggi il seguito di questo post »





Manifestazione antirazzista a Roma (scusate il ritardo)

28 10 2009

eccovi alcune foto della manifestazione antirazzista a Roma del 17 ottobre (in ritardo clamoroso lo so)…

1

Leggi il seguito di questo post »