A scuola di cannabis

21 12 2009

In classe non si fuma. Ma si passa molto tempo ad annusare, a discutere sui metodi di inalazione e stabilire qual’e’ la pianta migliore. Benvenuti all’universita’ della marijuana di DEtroit. Qui, guidati da orticoltori, medici e avvocati, gli studenti imparano a coltivare le piante e a proteggerle da usi illeciti. Il Med-Grow cannabis college e’ stato inaugurato di recente, dopo che, a novembre del 2008, lo stato del Michigan ha legalizzato l’uso della droga a fini terapeutici. “coltivare la cannabis in giardino per fumarla con gli amici e’ un conto”, dice Nick TEnnant, uno dei fondatori del college. “Ma se l’uso e’ a scopo terapeutico, bisogna saper riconoscere le varieta’ e le caratteristiche di ogni specie. Il processo di coltivazione e’ complesso. Se si lavora bene si possono fare molti soldi”. L’istituto rilascia ogni mese piu’ di mille certificati a consumatori e coltivatori del Michigan. La retta del corso e’ di 475 dollari per sei lezioni serali.
Leggi il seguito di questo post »





L’illusione del nation building

1 12 2009

Nel ventesimo anniversario della caduta del muro di Berlino gli Usa stanno perdendo la guerra in Afghanistan, un paese che indirettamente contribui’ al crollo della cortina di ferro. Negli anni ottanta i mujahiddin afgani combatterono il jihad antisovietico proprio come oggi le forze della coalizione occidentale danno battaglia ai taliban e ad Al qaeda. Nel febbraio del 1989, dopo una lunga ritirata, gli ultimi sovietici uscirono dall’afghanistan, pochi mesi prima dell’implosione del sistema sovietico. Senza quella sconfitta, oggi forse non potremmo festeggiare i vent’anni della fine della guerra fredda. Ma oggi l’afghanistan determina ancora il nostro futuro.
Leggi il seguito di questo post »





Islamabad: americani vestiti da afgani presi con armi illegali ed asplosivi

3 11 2009

ISLAMABAD – quattro cittadini americani sono stati colti sul fatto dalla polizia nelle prime ore di Martedì nell’atto di fotografare edifici sensibili. Tutti e quattro erano vestiti in abiti tradizionali afghani e sono stati trovati ad essere in possesso illegale di armi ed esplosivi.
Secondo i dettagli, forniti dal personale di polizia schierato qui a Nawaz Chowk, settore F-8, sono stati intercettati due veicoli sospetti nelle prime ore di Martedì. Durante la perquisizione, la polizia ha recuperato le armi in loro possesso. I conducenti di questi veicoli sono stati identificati come cittadini americani. Erano tutti vestiti come degli afgani.
Le targhe su entrambi i veicoli (IDM 2030 & LG 501) sono risultate essere false. Successivamente sono stati chiamati rinforzi in seguito al rifiuto, da parte degli americani, di perquisire le automobili. Funzionari di alto rango  della polizia hanno raggiunto il sito in pochi minuti e, cercando nei veicoli, hanno recuperanto 2 M-16, 1 fucile, 2 pistole e 2 bombe a mano.

Leggi il seguito di questo post »





I diritti dei gay

29 10 2009

Fresco di Nobel, Obama si e’ subito impegnato di cambiare politica nei confronti dei gay, riconoscendo loro il diritto a servire le forze armate statunitensi. La precendete politica Bush, vale a dire quella di arruolarsi con l’obbligo di tenere segreto l’orientamento sessuale, era assurda e confusionale. Non si puo’ affermare che tutti i cittadini di qualsiasi orientamento sessuale abbiano gli stessi diritti finche’ l’esercito continuerà a rinfiutarli.

Leggi il seguito di questo post »





L’inesorabile declino del dollaro

13 10 2009

Da un’inchiesta condotta da Robert Frisk per l’Indipendent risulta che si stia formando una coalizione per mettere fine all’egemonia del dollaro nelle compravendite di petrolio. Tale coalizione comprenderebbe i paesi arabi del Golfo Persico, Cina, Russia, Francia e Giappone.

Leggi il seguito di questo post »





FBI attacco al phishing

9 10 2009

L’FBI ha inflitto un forte colpo al mondo del phishing. Un’operazione numericamente rilevante e simbolicamente incisiva, giunta nel momento più opportuno per far capire all’industria delle truffe online ciò che le istituzioni sono in grado di fare per combattere il malaffare online.

Leggi il seguito di questo post »





Illusione Obama

6 10 2009

All’assemblea delle Nazioni Unite Obama si e’ trovato di fronte il pubblico migliore che potesse desiderare: il rappresentante di Cuba, Hugo Chavez, Gheddafi. Tutti a tessere le sue lodi, ad elogiare il suo discorso, ad esprimere il desiderio che rimanga in carica oltre il mandato.
In realta’ le parole del presidente erano delle banalita’.

Leggi il seguito di questo post »