Operazione Piombo Fuso

L’operazione Piombo fuso (ebraico: מבצע עופרת יצוקה, Mivtza Oferet Yetzukah[20]) è stata una campagna militare lanciata dalle Forze armate israeliane con l’intento di “colpire duramente l’amministrazione di Hamas al fine di generare una situazione di migliore sicurezza intorno alla Striscia di Gaza nel tempo, attraverso un rafforzamento della calma e una diminuzione dei lanci dei razzi, nella misura del possibile”. L’operazione militare si è protratta dal 27 dicembre 2008 alle ore 00:00 GMT del 18 gennaio 2009.

Obiettivo dichiarato dell’intervento militare israeliano è stato quello di neutralizzare Hamas che, a partire dal 2001, ha bersagliato i centri urbani nel sud di Israele con razzi Qassam provocando in otto anni 15 morti e centinaia di feriti fra la popolazione civile[22], costretta a un ritmo di vita scandito da sirene di allarme e corse nei rifugi sotterranei (obbligatori per legge).

Da parte israeliana l’azione militare è descritta anche come una risposta all’intensificarsi del lancio di razzi Qassam da parte di Hamas contro obiettivi civili del Sud di Israele, non appena scaduta la tahdia (calma) di sei mesi, ottenuta il 19 giugno 2008 dopo un lungo lavoro di mediazione da parte dell’Egitto[23]

Hamas per parte sua afferma che la tregua è stata rotta dalle forze israeliane il 4 novembre 2008 con l’uccisione di 6 suoi militanti e con il blocco dei convogli umanitari. Da parte palestinese, per altro, il lancio di razzi contro il territorio israeliano è stato motivato dalla violazioni della tregua di parte israeliana , violazioni che nel periodo della tregua hanno portato all’uccisione di 19 palestinesi , la maggior parte dei quali durante gli attacchi aerei israeliani dell’inizio di novembre.

Inoltre molti commentatori, sia dopo che prima dell’azione, hanno collegato l’Operazione alle vicine elezioni israeliane del 10 febbraio, ipotizzando che i candidati dei tre principali schieramenti (Kadima, Laburisti e Likud), temessero di poter perdere i propri consensi a causa di un comportamento percepito dalla pubblica opinione come troppo “morbido” nei confronti di Hamas.

Ufficialmente le forze armate israeliane mirano quindi a distruggere i supporti logistici di Hamas, a eliminare il maggior numero possibile di leader e a rallentarne (se non a prevenirne) il riarmo. La missione militare si pone inoltre l’obiettivo di distruggere la rete di tunnel sotterranei di collegamento con l’Egitto (attraverso i quali avviene anche il contrabbando di generi di consumo e di cibo, soprattutto durante i periodi di chiusura dei varchi con Israele), per impedire l’approvvigionamento di armi da parte di Hamas e delle altre fazioni paramilitari.

Hamas ha definito l’operazione “massacro di Gaza” (in arabo مجزرة غزة‎), e tale definizione è stata ripresa da numerosi media del mondo islamico.

fonte wikipedia.it

alcuni video post operazione piombo fuso da youtube

parte 1

parte 2

parte 3

parte 4

parte 5

visto? solo americani ed israeliani hanno queste armi less lethal … strano vero?




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: