“Legato e picchiato in caserma”, Milano, carabinieri sott’accusa

31 12 2009

MILANO – Le mani legate dietro la schiena. La bocca incerottata con il nastro da pacco. Costretto a inginocchiarsi a terra. Poi giù botte. Pugni, manganellate. Il pestaggio prosegue anche quando l’uomo sta quasi per soffocare, perché il sangue che perde dalla bocca non può uscire. È il 12 agosto 2009.

In una stanza della caserma di via Montebello, sede del comando del nucleo radiomobile dei carabinieri, è notte fonda. L’uomo inginocchiato si chiama Luciano Ferrelli, 36 anni, originario di Foggia. Qualche precedente per droga, è stato l’autista-factotum di Giuseppe Aronna, il dentista dei vip con studio in via Montenapoleone arrestato nel 2007 – in manette anche Ferrelli – per una storia di carte di credito rubate e riutilizzate (venivano strisciate sul “pos” del professionista e trasformate in moneta sonante). Bene inserito nella Milano dei locali notturni, poi il declino personale, segnato soprattutto dall’abuso di sostanze stupefacenti.
Leggi il seguito di questo post »

Annunci




Giovanardi: “Stefano Cucchi è stato ucciso dalla droga”

3 11 2009

gio28_carlo-giovanardi_sidisseta[1]GIOVANARDI 1. “Allo stato degli atti c’è un sicuro, evidente responsabile indiretto o diretto della morte di Stefano: la droga”. Lo scrive il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Carlo Giovanardi sul ‘Giornale’. “Questo è il killer che entra nelle nostre case, aggredisce le nostre famiglie, porta via i nostri figli lungo un calvario che i genitori dei tossicodipendenti purtroppo conoscono troppo bene”, afferma Giovanardi. “La verità di quanto accaduto a Stefano puó essere dunque collegata al comportamento indegno di qualcuno che doveva proteggere la sua fragilità ma potrebbe essere anche l’avvelenato frutto finale dei danni della droga”.
Leggi il seguito di questo post »





Roma, quella morte “misteriosa” di un detenuto in ospedale

26 10 2009

Aldo Bianzino, morto due anni fa in una prigione di Perugia per cause ancora da chiarire. Marcello Lonzi, ammazzato in una galera livornese nel 2003 da un arresto cardiocircolatorio ma il suo corpo sfigurato, a sua madre che cerca ancora verità, dice tutt’altro. Fino a l’altroieri, Ilaria non conosceva i loro nomi, forse nemmeno sapeva quanto fosse lungo il catalogo dei morti di galera.

Leggi il seguito di questo post »